Benvenuti (noi) nel XXI secolo…

Entro vent’anni, ciascun internauta avrà un traffico web pari a 3,2 gigabyte al giorno. Così recita una stima calcolata dalla Bristol University e presentata alla International Conference on Cloud Computing a Indianapolis, negli Stati Uniti. E forse, quasi sicuramente, si sottostima la previsione…  Siamo dentro un universo di mondi digitali dove l’unità di misura cambia repentinamente. Chi si ricorda più dei vecchi floppy disk? Per tutti gli anni Novanta sono stati un elemento indispensabile per chiunque avesse bisogno di spostare i propri dati da un pc a un altro. Oggi la Sony ha annunciato che da marzo 2011 terminerà la produzione di floppy disk. Dai kilobyte ai megabyte siamo passati rapidamente ai gigabyte delle pendrive, le cui versioni più recenti sono ben più capienti di un qualsiasi hard disk di pochi anni fa. E la parola Terabyte diventa ormai sempre più comune in attesa di entrare nelle “nuove dimensioni” dei petabyte,  exabyte, zettabyte, yottabyte… Siamo in un universo di byte, un mondo digitale.

I Blog sono nati verso il 1997 ma sono dal 2001 hanno iniziato a svilupparsi e proliferare anche in Italia. Sono pertanto ormai dieci anni che questa forma di comunicazione abita nel web, e gli italiani sono tra i primi al mondo (quantitativamente) come numero di blogger attivi. Sentieri selvaggi arriva solo oggi ad aprire il suo “blog redazionale”, un po’ per pigrizia, un po’ per annosi problemi tecnici, in parte anche economici (anche se aprire un blog oggi ha un costo pari a zero), certo per dei motivi di “ritardo culturale”. Siamo pur sempre un gruppo che nasce e si sviluppa dalla fine degli anni Ottanta, tutto dentro le pratiche analogiche dello scrivere di cinema delle riviste cartacee. E quando siamo passati al web, nel 1999 e non nel 1995 come avremmo dovuto ma non potuto, ci era sembrato quasi un miracolo! Costringere dei critici cinematografici a confrontarsi e scontrarti con la “leggerezza” del web, con gli ipertesti, i link, le foto. E poi la “battaglia del multimediale” e convincersi che la comunicazione e la scrittura critica oggi passano anche attraverso l’uso di strumenti che nel tempo la tecnologia ha reso sempre più semplici e pratici da usare. Ed ecco armarci di videocamere, e praticare giorno dopo giorno i nuovi contenuti multimediali.

E’ un mondo che non si ferma ad attendere nessuno, eppure qualche volte puo’ far bene, per un attimo, fermarsi e, magari, tornare un attimo indietro. E provare a recuperare qualche passaggio perduto. Ed eccoci, finalmente, al blog. Che in una redazione come quellla di Sentieri selvaggi è qualcosa di diverso dall’uso ormai familiare che i blogger praticano ogni giorno. Questo è un blog redazionale, ma costituito di diversi blog personali, che proveranno a raccontare mondi diversi con sguardi diversi. E di creare con i nostri lettori un ulteriore luogo di confronto e discussione, dove le  storie, tutte le storie, possono essere raccontate. Post per post.  E’ un piccolo “passo indietro” per andare avanti. Verso una direzione che nei prossimi mesi vedrà Sentieri selvaggi cambiare ancora una volta. Ma questa, per dirla con il Billy Wilder di “Irma la dolce“, “è un’altra storia”…

This entry was posted in DIGIMON(DI) di Federico Chiacchiari and tagged , . Bookmark the permalink.

11 Responses to Benvenuti (noi) nel XXI secolo…

  1. I’ll make certain to put this in good use!

  2. Great post & Fantastic blog! I would definitely love to begin a blog too but I have no clue where to begin. I possess the ability to do it (not that challenging on the technical part) but I really feel like I am too lazy to post regularly. That is the problem, if you start you have to go all the way. However blogs like yours inspire me to have a go at it.

  3. As a Newbie, I am permanently browsing online for articles that can be of assistance to me. Thank you

  4. I personally was looking to get some material related to this type of article and your submit helped myself alot. Have a great morning.Thank you very much.

  5. I found your blog on google and read a few of your other posts. I just added you to my Google News Reader. Keep up the good work Look forward to reading more from you in the future.

  6. Beneficial info and excellent design you got here! I want to thank you for sharing your ideas and putting the time into the stuff you publish! Great work!

  7. Brullo says:

    Bit… bit… bit… bittttt.. quit!
    Offline…

  8. Elda says:

    Che bella sorpresa!

  9. Sirio says:

    io mi sa che già li faccio adesso 3 gb di traffico al giorno, con tutto quello che scarico! sottostimata, sottostimata…fra dieci anni il traffico sarà di terabyte, credete a me….

  10. Johnny B says:

    Non ho mai capito i blog redazionali, avete già un giornale on line, a che servono anche i blog? Capisco che lo stile di un blog e quello di un articolo non sono proprio gli stessi, ma siete sicuri di cogliere sul serio le differenze? Resto perplesso ma, avendo visto su FB il primo post, vi concedo di provare a stupirmi e a smentirmi. Fra qualche settimana, se ancora ci sarete, ne riparleremo. Buon lavoro, intanto.

  11. marytwitter says:

    Almeno ammettete di essere in ritardo ;) La mia opinione è che alla fine sono i contenuti quelli che contano, e se riuscirete a scrivere dei blog stimolanti e interessanti vi leggerò con molto piacere. Ma io non faccio testo, vi seguo già dappertutto… ma sarò critica e severa, se non mi andrete giù! Auguri!

Comments are closed.