‘Vaxxed: from Cover-Up to Catastrophe’. Il passo falso di De Niro

VaxxedWakefieldAlle fine Robert De Niro ha mollato, ha deciso che il controverso documentario ‘Vaxxed: from Cover-Up to Catastrophe (trailer) sul legame tra vaccini e autismo non sarà proiettato al Tribeca Film Festival di New York da lui fondato. Ha vinto chi non voleva l’opera scritta e diretta da Andrew Wakefield, ex medico e ora attivista anti-vaccinazione famoso per essere stato l’autore di uno studio pubblicato su ‘Lancet’ nel 1998, e poi ritrattato, in cui affermava di aver dimostrato il legame tra autismo e vaccinazioni. In un primo tempo De Niro, che ha un figlio autistico, aveva in qualche modo difeso la scelta di inserire nella sezioni documentari il lavoro di Wakefield  sottolineando come “tutte le questioni che circondano le cause dell’autismo possano essere discusse apertamente ed esaminate”. Non è stato così, dopo 48 ore un comunicato ha decreto l’esclusione del documentario dal festival: “Dopo aver visionato la pellicola non crediamo che possa contribuire o promuove la discussione che avevo sperato” , ha affermato l’attore di Toro scatenato e Taxi Driver. 

In ogni caso c’è qualcosa che non ha funzionato, se scegliere di dare spazio ad un medico radiato che da anni non fa altro che promuovere se stesso e le sue teorie anti-vaccini o nel cedere alle pressioni dei media per ritirarlo dal cartellone. C’è anche una terzia via nella scelta di De Niro? Le polemiche su ‘Vaxxed: from Cover-Up to Catastrophe‘ avrebbero portato cattiva pubblicità al festival, gli sponsor avrebbero storto il naso e magari ci sarebbero state contestazioni alla prima? Un’unica certezza, Wakefiel e il suo documentario hanno avuto una enorme visibilità a livello globale.  “La scelta del Tribeca – scrive Wakefield in un post sul sito del documentario dopo l’ultima decisione del festival – non riuscirà a negare l’accesso al mondo alla verità del film. Siamo grati alle migliaia di persone che si sono già mobilitate tra cui medici, scienziati, educatori e la comunità autistica”.

This entry was posted in SOLDOUT di Frank Maggi and tagged , , , . Bookmark the permalink.